AZIONE PILOTA – Cantieri sperimentali

Testimone delle realtà passate di un territorio e supporto per la sua memoria, il patrimonio, sia esso materiale o immateriale, è innanzitutto ciò che permette di identificarlo e di identificarcisi,  vero e proprio «indicatore di appartenenza » per le popolazioni locali.

La conoscenza, la protezione e la valorizzazione del patrimonio costituiscono opportunità  per la diversificazione delle attività e per la creazione di occupazione in quelle regioni in cui il turismo sostenibile e lo sviluppo della società del tempo libero e della cultura costituiscono un’importante leva economica.

Nell’ambito dell’azione pilota, l’Office de l’Environnement della Corsica, la  Regione Liguria e la Regione Sardegna hanno realizzato nei loro rispettivi territori dei «cantieri sperimentali» il cui scopo è la sensibilizzazione, la ricerca e la modellizzazione di strumenti per la valorizzazione del patrimonio materiale e immateriale coinvolgendo la popolazione locale in un approccio partecipativo.

Il carattere pilota di queste attività  è nell’attuazione di azioni dimostrative che, a livello dei diversi tipi di pubblico  (cittadini, giovani, professionisti …), permettono di determinare  un cambiamento nel modo di affrontare la questione del patrimonio. Questo si traduce in realizzazioni concrete nel restauro del patrimonio nell’ambito  del  trasferimento di competenze e know-how.

I cantieri si presentano sotto forma di animazioni e di formazioni sui temi del patrimonio edilizio, naturale e culturale. Destinati principalmente alle popolazioni locali, questi rappresentano una leva di sviluppo locale e consentono la valorizzazione del patrimonio attraverso la formazione professionale, la salvaguardia e la trasmissione dei saperi tradizionali.

I 6 cantieri sperimentali avviati dall’Office de l’Environnement della Corsica riguardano la creazione di itinerari di scoperta e hanno portato alla realizzazione di sessioni di animazione e di formazione nei vari siti in Corsica in connessione con la rete dei «Sentieri del Patrimonio».

Tra i progetti realizzati si possono citare le iniziative prese dall’Istituto Agrario di Sartène e dal Centro dello Sport e della Gioventù della Corsica di Ajaccio, il programma di formazione sulla tecnica «dei muri a secco» destinato ai volontari là dove sono stati sviluppati nuovi progetti di Sentieri del Patrimonio in Corsica (Poggio di Venaco, Casanova, Luri e Penta di Casinca).

In questo stesso contesto la Regione Liguria ha organizzato sul suo territorio un cantiere archeologico sperimentale realizzato nel paese di Zignago (La Spezia) e un laboratorio/cantiere di restauro di un bene culturale architetturale nella Provincia di Savona.

In Sardegna il comune di Nuoro ha realizzato una visita virtuale del Borgo di Lollove con un drone facendo ricorso alle testimonianze della popolazione locale come strumento di valorizzazione culturale per le generazioni future.

  • Partenaires de l’Action pilote – « chantiers expérimentaux »
  • Responsable de l’Action pilote : Partenaire 3 Office de l’Environnement de la Corse
  • Partenaire 11 : Comune di Nuoro (Sardegna);
  • Partenaire 18 : Regione Liguria ;
  • Partenaire 20 : Regione Sardegna – DG Enti Locali